Purple Search - If you are looking for something special on this blog

Me, Myself & I

My photo

I am a localization manager/translator and intercultural consultant living in Berlin (Germany), passionate about languages, cultures, diversity management, dancing and good movies.  

Interested in intercultural communication and/or diversity management? In the mood for a Tandem-partner or looking for someone willing to learn Spanish with you? Desperately seeking an enthusiastic dance partner for salsa, bachata, swing or charleston?
Hoping to find a blogging buddy willing to inspire and motivate you?

Just drop me a line for a coffee. I am always thankful for the chance to get to know interesting and fascinating people like you.
Copyright Azzurra Camoglio. Powered by Blogger.

Purple Disclaimer

A Lot Like Purple is my personal blog.
I'm the only person responsible for its content and the views and opinions expressed here are solely mines.
What I write doesn't represent my clients or any other group, organization or agency.

If you notice something inaccurate, not valid any longer or inappropriate, I am looking forward to your feedback.
The honesty and politeness of comments are guaranteed.

Sunday, November 11, 2012

On Air: Il talento dimenticato di Bert Sommer

Sono stata abituata fin dall'infanzia a raccogliere articoli "da leggere in un secondo momento, quando avrò tempo".
A volte la clausola "quando avrò tempo" significa avere l'opportunità di leggere questi articoli dopo anni. Nel senso letterale del termine. Ho fatto così per un lunghissimo periodo, ma negli ultimi tempi ho deciso di cambiare le mie abitudini e ora leggo questi ormai famosi vecchi articoli con regolarità. E cerco di non raccoglierne di nuovi.

Ho tempo perché dopo tutto ho deciso di trovarlo, il tempo.
Ho tempo perché voglio averlo, il tempo.

Leggendo uno di questi articoli, dedicato a Woodstock (sì, proprio quel Woodstock: il primo concerto avvenuto nel 1969, of course!), mi sono imbattuta nel nome di Bert Sommer e devo dire che sono rimasta un po' sorpresa, perché ero sicura di saperne abbastanza sul concerto e non avevo mai sentito parlare di Bert Sommer.

[Bert Sommer a Woodstock, 1969]

Ho così scoperto che all'epoca della sua partecipazione a Woodstock era un cantautore magrolino e talentuoso di vent'anni con incredibili capelli da hippie e che la sua performance fu l'unica a ottenere una standing ovation. La sua apparizione non venne inserita nel famoso documentario su Woodstock e le sue canzoni non vennero incluse nella compilation pubblicata dopo il concerto.

La sua carriera ne venne danneggiata.
Possiamo dire che non ebbe molta fortuna.
E morì nel 1990.

Può darsi che Bert Sommer sia stato dimenticato da molte persone, ma la sua musica è ancora fresca e la sua voce bella e vibrante.

Dato che le leggi sul copyright sono molto precise (e fastidiose) in Germania, non vi rimanderò a nessun video né a una playlist.
Ma fidatevi di me: non perdetevi la musica di Bert Sommer.
Vi basta cercarlo su Google. E fatemi sapere se vi piace come piace a me!

ps. Secondo fonti accreditate, i capelli che comparvero nel primo manifesto del leggendario musical Hair sono proprio quelli di Bert.

Versione in inglese di questo post

Tags: Woodstock, Concerto, Cantante, Musica, Bert Sommer